Seguici su

Italia

Big con esperienza: il trend dell’usato sicuro

La Serie A abbraccia l’usato sicuro e il low cost nel mercato calcistico, con giocatori esperti che dominano le squadre di vertice. L’Inter ingaggia Arnautovic, la Roma punta su Paredes e Sanches, mentre il Napoli investe per mantenere il titolo.

Avatar

Pubblicato

il

L'allenatore dell'Inter, Simone Inzaghi (© Agenzia Fotogramma)
L'allenatore dell'Inter, Simone Inzaghi (© Agenzia Fotogramma)

Il campionato di Serie A si prepara ad accendere i riflettori per una nuova stagione, e ciò che emerge con sempre più evidenza è la tendenza verso l’acquisto di giocatori esperti, spesso ultratrentenni, per le squadre di vertice. Questo non sembra essere tanto una scelta dettata da una profonda convinzione, ma piuttosto una necessità dettata da diverse variabili.

Il Milan, ad esempio, ha riconfermato il trentottenne Olivier Giroud, ma sembra che l’ultimo minuto verrà speso per cercare un giovane vice in prestito, con la possibilità di riscatto. Tra i nomi circolati, spicca Armando Broja del Chelsea, un possibile affare grazie ai buoni rapporti tra i rossoneri e il club inglese.

Napoli: ambizioni e investimenti

Nonostante la tendenza al risparmio, c’è un’eccezione: il Napoli. De Laurentiis, ambizioso e desideroso di confermare il titolo di Campione d’Italia, sta lavorando a grandi investimenti. L’attenzione è ora rivolta verso Gabriel Veiga, con un’offerta di 35 milioni più il 10% sulla rivendita al Celta Vigo. Se l’affare andrà in porto, sarà l’acquisto più costoso dell’estate 2023 per la Serie A.

Inoltre, il club sta per blindare Victor Osimhen con un rinnovo contrattuale fino al 2026, con uno stipendio significativo di 9-10 milioni netti a stagione, più bonus. Una clausola rescissoria da 150 milioni sarà valida solo dall’estate 2023, segnando una strategia che riflette le dinamiche di mercato più competitive delle leghe europee.

Inter: Arnautovic ritorna in scena

L’Inter, alla ricerca di una soluzione dopo la partenza di Lukaku, ha optato per una strategia economica, puntando su Marko Arnautovic. Questo nome non è nuovo per i tifosi nerazzurri, dato che il giocatore aveva fatto una comparsa nei festeggiamenti della leggendaria vittoria nel Triplete del 2010. Tredici anni dopo, l’austriaco ritorna a Milano, stavolta come protagonista. Un affare da 10 milioni di euro e un contratto biennale da 3 milioni annui per il giocatore classe 1989, lo rendono molto più accessibile rispetto ad altre opzioni sul mercato. Un’alternativa più economica, considerando i costi elevati di Taremi e Balogun.

Roma: affari in saldo per rinforzare il centrocampo

La Roma sembra essere scatenata nel mercato, con operazioni mirate a rafforzare il centrocampo. L’acquisizione di Leandro Paredes dal PSG per 2,5 milioni più bonus è un ottimo esempio di questa tendenza. Il calciatore argentino aveva fatto un passaggio alla Juventus la scorsa estate, ma ora giunge in giallorosso con l’obiettivo di dare nuova linfa alla squadra.

Nel pacchetto dell’affare c’è anche Renato Sanches, in arrivo in prestito con diritto di riscatto che può diventare obbligo sotto certe condizioni, per un totale di 15 milioni. Inoltre, si parla di un’offerta per Duvan Zapata, prossimo a trasferirsi alla Roma per 2 milioni in prestito, con l’obbligo di riscatto fissato a 7 milioni.

Napoli: ambizioni e investimenti

Nonostante la tendenza al risparmio, c’è un’eccezione: il Napoli. De Laurentiis, ambizioso e desideroso di confermare il titolo di Campione d’Italia, sta lavorando a grandi investimenti. L’attenzione è ora rivolta verso Gabriel Veiga, con un’offerta di 35 milioni più il 10% sulla rivendita al Celta Vigo. Se l’affare andrà in porto, sarà l’acquisto più costoso dell’estate 2023 per la Serie A.

Inoltre, il club sta per blindare Victor Osimhen con un rinnovo contrattuale fino al 2026, con uno stipendio significativo di 9-10 milioni netti a stagione, più bonus. Una clausola rescissoria da 150 milioni sarà valida solo dall’estate 2023, segnando una strategia che riflette le dinamiche di mercato più competitive delle leghe europee.

Premier League vs Serie A: disparità nelle cifre

Le cifre che circolano nel mercato della Serie A sono ben distanti da quelle della Premier League. Mentre il Chelsea chiude l’acquisto di Moises Caicedo dal Brighton per 133 milioni, le operazioni italiane sembrano giocare una partita economica. Il divario finanziario tra le due leghe appare evidente, con la Serie A che si avvicina al low cost, cercando di fare acquisti ponderati e strategici.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *