Seguici su

Asia

«Esercitazioni militari intorno a Taiwan», sale la tensione dopo l’annuncio della Cina

Pechino ha affermato di aver condotto esercitazioni militari vicino Taiwan in risposta a “provocazioni” e “collusioni” tra gli Stati Uniti e le autorità dell’isola

Pubblicato

il

Militari cinesi (© Depositphotos)
Militari cinesi (© Depositphotos)

TAIPEI – La Cina ha schierato 71 aerei da combattimento, inclusi 60 caccia, in manovre militari condotte questo fine settimana intorno a Taiwan. Lo ha reso noto oggi il ministero della Difesa di Taipei.

Pechino ha affermato ieri di aver condotto esercitazioni militari vicino Taiwan in risposta a “provocazioni” e “collusioni” tra gli Stati Uniti e le autorità dell’isola. In un messaggio pubblicato su Twitter, Taipei ha affermato che 60 aerei da combattimento hanno preso parte alle esercitazioni, tra cui sei SU-30, tra i velivoli più avanzati della Cina. Nel suo aggiornamento quotidiano, il Ministero della Difesa taiwanese indica inoltre che 47 di questi aerei sono entrati nella zona di difesa aerea dell’isola democratica autonoma: si tratta della terza più grande incursione giornaliera registrata.

Pechino considera Taiwan una delle sue province

La Cina considera Taiwan, con una popolazione di 24 milioni di persone, una delle sue province che deve ancora riunificare con successo con il resto del suo territorio dalla fine della Guerra civile cinese nel 1949. Vede con insoddisfazione il riavvicinamento in atto negli ultimi anni tra le autorità taiwanesi e gli Usa, che da diversi decenni forniscono all’isola supporto militare contro Pechino.

La Cina non ha specificato il numero di dispositivi mobilitati per le esercitazioni di ieri, né il luogo esatto di queste manovre. I dati del ministero della Difesa taiwanese indicano che la maggior parte delle incursioni sono avvenute nella punta sudoccidentale della Zona di identificazione della difesa aerea (Adiz). Alcuni hanno anche attraversato la “linea mediana” che corre lungo lo Stretto di Taiwan.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *