Seguici su

Esteri

Tutti contro Orban: difesa o arroganza?

Le accuse statunitensi di “dittaturizzazione” e le critiche europee sulle riforme e i finanziamenti hanno scatenato dibattiti sulla sovranità nazionale. Budapest difende la legittimità democratica del governo, sottolineando la scelta popolare e denunciando le pressioni esterne come tentativi di ingerenza.

Avatar

Pubblicato

il

Il presidente ungherese, Orban con Macron e Von der Leyen
Il presidente ungherese, Orban con Macron e Von der Leyen (© UE)

Nell’ultimo periodo, la figura di Victor Orban e l’Ungheria si sono trovate al centro di un vortice mediatico e politico che ha coinvolto non solo l’Europa ma anche gli Stati Uniti. Un vero e proprio assedio che solleva interrogativi non solo sulla sovranità nazionale ma anche sul futuro delle relazioni internazionali.

La recente visita di Orban a Donald Trump, avvenuta l’8 marzo, non ha fatto altro che intensificare le tensioni. La storica amicizia tra il leader ungherese e gli ambienti repubblicani americani non è una novità, ma l’endorsement a Trump ha innescato la “macchina da guerra” statunitense, con l’Amministrazione Biden che non ha tardato a esprimere il proprio dissenso, sfociando in accuse che hanno portato Budapest a richiedere chiarimenti ufficiali.

L’intervento dell’Ambasciatore USA: mossa senza precedenti

La dichiarazione dell’ambasciatore USA in Ungheria, David Pressman, ha gettato benzina sul fuoco. Le sue parole, che definiscono l’Ungheria come un paese in via di “dittaturizzazione”, hanno suscitato non poco scalpore. Szijjártó, ministro degli Esteri ungherese, ha prontamente risposto, sottolineando come il governo Orban sia il frutto di una scelta democratica del popolo ungherese, ribadendo la legittimità del suo mandato.

La situazione si è aggravata con le recenti dichiarazioni di Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza dell’Amministrazione Biden, che non ha ritrattato le affermazioni di Biden su Orban e la “dittatura” ungherese. Questo, unito al ricordo orgoglioso di un’Ungheria “senza guerre, senza gender, senza migrazioni”, delinea un panorama di sfida aperta tra Budapest e Washington.

L’UE tra legale e finanziario

Non meno tesa appare la situazione con l’Unione Europea, che ha visto un inedito contenzioso giudiziario tra Parlamento europeo e Commissione, a causa della decisione di quest’ultima di procedere con il pagamento dei fondi a Budapest, seguendo le riforme concordate. La decisione del Parlamento europeo di avviare un’azione legale evidenzia una frattura interna e solleva dubbi sulla coerenza e l’unità delle istituzioni europee.

La risposta di Orban non si è fatta attendere. Nel suo discorso durante la festa nazionale, ha ribadito la volontà di pace dell’Ungheria e lanciato un duro attacco all’UE, accusata di minacciare la libertà dei popoli europei. La sua affermazione sulla necessità di “occupare Bruxelles” per difendere la sovranità ungherese segna una posizione di sfida non solo verso l’UE ma verso un ordine internazionale che sembra sempre più incline ad ingerenze e pressioni.

Partita aperta

La situazione attuale vede l’Ungheria e Orban in una posizione di isolamento apparente, ma al contempo di ferma resistenza. Le dinamiche interne ed esterne all’UE, così come le tensioni con gli Stati Uniti, delineano uno scenario complesso, in cui il concetto di sovranità nazionale e le relazioni internazionali vengono messi alla prova.

La sfida di Orban appare come un test cruciale per l’Europa e per il mondo intero: fino a che punto si può spingere l’ingerenza negli affari interni di una nazione democraticamente governata? E quali saranno le conseguenze di questo braccio di ferro per il futuro politico ed economico dell’Ungheria e delle relazioni transatlantiche?

Continua a leggere le notizie di DiariodelWeb.it e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *