Seguici su

Idee & Consigli

Quali sono le nuove tendenze della ristorazione moderna?

Avatar

Pubblicato

il

Tendenze della ristorazione moderna (© Unsplash)
Tendenze della ristorazione moderna (© Unsplash)

Il settore della ristorazione ha un valore che si aggira intorno ai 2 miliardi di euro in termini di acquisti, ma è chiaro che per stare al passo con i tempi serve considerare tutti i cambiamenti che ci sono stati, sia a livello tecnologico che non. Non si può avviare un’attività in questo settore senza essere ben consci del lavoro di evoluzione che si dovrà necessariamente fare, anche a livello di gestione e pubblicizzazione del proprio marchio.

Nei ristoranti moderni l’identificazione del brand ricopre un ruolo molto importante; non a caso sempre più locali attivi in questo settore optano per le divise da lavoro personalizzate con il logo aziendale in luogo di un abbigliamento classico e anonimo dato che, oltre a mettere in mostra il nome del ristorante, proiettano un’immagine molto più professionale.

Il mercato ristorativo: ecco come sta cambiando

Un’interessante conferenza, che è stata denominata “Le nuove forme del mercato ristorativo” ha messo in evidenza, grazie alla collaborazione tra vari protagonisti del settore, come ad esempio Horeca, Sigep-Rhex, ma anche ALMA, ovvero la scuola internazionale di cucina italiana, e AIFBM, l’Associazione Italiana Food&Beverage Manager, delle novità particolarmente interessanti.

Se il settore della ristorazione è forse un po’ dei più complessi, da un certo punto di vista, ad assimilare i cambiamenti, d’altro canto va detto che sono emerse diversi aspetti da approfondire da questa conferenza. Prima di tutto, il fatto che ormai per poter lavorare in questo settore è necessario un aggiornamento a livello di formazione, da parte di tutti i vari operatori, costante e continuo. Non solo, visto che si sta delineando un nuovo trend, ovvero la diffusione sempre più importante di una figura come il Food & Beverage manager.

Siamo entrati in un’epoca della ristorazione in cui le aziende devono fare i conti con dei consumatori che sono da un lato sempre più esigenti, ma d’altro canto anche sempre più preparati. Di conseguenza, per poter puntare al profitto, serve necessariamente intervenire sulla catena del valore. Bisogna cercare di innovare e rendere più pratici e fluidi tanti processi di gestione, ma al contempo è necessario investire, in modo importante se necessario, sulla crescita, dal punto di vista professionale, di tutto il personale addetto, garantendo una formazione continua e sempre presente.

Ingredienti del territorio, ma piatti rivisitati in chiave gourmet

Dando uno sguardo ai vari trend che sono emersi dalla conferenza, ne troviamo alcuni decisamente interessanti. Uno riguarda gli alberghi che offrono un servizio di ristorazione eccellente, la cui clientela è tipicamente internazionale. I dati non mentono, dato che ristorazione e strutture ricettive vanno di pari passo nella creazione di una delle più importanti forme di turismo in Italia. L’eccellenza si è notata soprattutto in quelle strutture che hanno saputo usare materie prime e ricette del territorio, ma con una proposta più in chiave gourmet. Fattori che possono portare al successo? La presenza di uno spazio esterno al locale e la scelta di non inserire dei prezzi eccessivi nel menu alla carta. Slegato dal servizio di ristorazione puro, ma il fatto di prevedere anche uno spazio o dei tavoli dove poter mangiare in compagnia dei propri animali domestici è molto apprezzato dai turisti.

Il Food & Beverage Manager porta qualità

La nuova figura di cui parlavamo in precedenza si occupa a 360° di tutto ciò che riguarda la gestione degli outlet di ristorazione. Se dovesse mancare un ruolo del genere, tali compiti finiscono direttamente nelle mani del direttore dell’hotel, in alcuni casi dello chef. Le statistiche, però, sottolineano come, in caso di presenza di una figura così specialistica, migliora la percezione del cliente sia in riferimento alla qualità dell’offerta che al servizio garantito.

Il marketing legato alla colazione

Si può parlare ormai di un vero e proprio trend in riferimento al breakfast marketing. Circa 9 clienti su 10 decidono di fare colazione in albergo. Di conseguenza, la prima colazione può diventare un vero e proprio biglietto da visita in merito ai servizi di ristorazione proposti alla clientela da ogni singola struttura ricettiva.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *