Seguici su

Italia

Vittoria all’ultimo respiro: la Juventus è (temporaneamente) prima in classifica

La Juventus passa al 96′ con Cambiaso e stende 1-0 il Verona. Precedentemente annullati due gol a Kean, uno per fuorigioco e uno per un fallo in avvio di azione. Allegri: “Soffrire è il nostro DNA. Classifica? Guardiamo al 5° posto!”

Avatar

Pubblicato

il

Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus (Agenzia Fotogramma)
Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus (Agenzia Fotogramma)

La Juventus, sotto la guida di Massimiliano Allegri, ha confermato la sua forma solida vincendo una partita decisiva contro il Verona di Marco Baroni. Questa vittoria arriva dopo il successo ottenuto contro il Milan a San Siro e porta i bianconeri in cima alla classifica di Serie A, seppur temporaneamente. Nonostante siano stati annullati due gol a Moise Kean, la squadra ha mostrato una performance convincente.

Primo tempo: gol annullato e opportunità mancate

Nel primo tempo, la partita ha visto momenti di equilibrio fino al 13° minuto, quando Moise Kean è riuscito a segnare un gol poi annullato a causa di un fuorigioco. La Juventus ha continuato a creare occasioni per il vantaggio, ma non è riuscita a concretizzare le opportunità.

Al 45′ Wojciech Szczesny, il portiere della Juventus, ha eseguito una parata decisiva su un tiro pericoloso da parte di Bonazzoli, dimostrando ottime abilità difensive e mantenendo in equilibrio il punteggio.

La gioia all’ultimo respiro

Nella ripresa, Kean è tornato sotto i riflettori con un altro gol annullato per un fallo in avvio di azione. Anche Federico Chiesa ha avuto un paio di occasioni per portare in vantaggio la sua squadra, ma entrambe le volte è stato sventato da un’ottima difesa da parte del Verona.

Nonostante diverse occasioni mancate da entrambe le squadre, è stato all’ultimo minuto, al 96′, che la Juventus ha trovato la via del gol grazie a Cambiaso. Un cross da destra di Milik ha colpito il palo e, dopo una serie di eventi confusi nella piccola area, Cambiaso ha finalmente segnato, facendo esplodere di gioia lo Stadium.

Un segnale forte per la corsa allo scudetto

Questa vittoria ha portato la Juventus a 23 punti, mettendola momentaneamente al primo posto della classifica di Serie A e superando l’Inter di Simone Inzaghi che giocherà il giorno successivo. La vittoria assume un significato particolare in vista dei big match in programma, come Inter-Roma, Lazio-Fiorentina e Napoli-Milan, e manda un segnale forte alle altre squadre in lizza per il titolo.

Il commento post-partita di Massimiliano Allegri

Dopo la vittoria per 1-0 della Juventus contro il Verona, l’allenatore Massimiliano Allegri ha condiviso le sue riflessioni in un’intervista con Sky Sport. Ha parlato della prestazione della squadra, dei giovani talenti e dell’approccio “operaio” della squadra.

Allegri ha descritto il calcio come “micidiale,” sottolineando come la squadra abbia creduto nella vittoria fino all’ultimo minuto. Ha anche condiviso il suo pensiero su Moise Kean, il cui impegno è stato segnato da due gol annullati. “Kean non meritava il cambio, ma ho pensato che non fosse la sua serata e l’ho tolto. Sono molto contento del suo sviluppo.”

“Dobbiamo guarda al quinto posto”

Rispondendo alla domanda sulla classifica, Allegri ha affermato che è essenziale prestarle attenzione. “Dobbiamo guardare al quinto posto. Il gruppo è straordinario e ha dato tutto in campo,” ha detto.

Allegri ha elogiato diversi giovani calciatori, come Kean e Yildiz. Ha anche menzionato l’importanza del settore giovanile della Juventus, citando altri giovani come Nicolussi Caviglia e Nonge. “Quando abbiamo a che fare coi giovani, un giorno sembrano fenomeni e in altri no,” ha osservato.

Squadra “operaia”

Allegri ha accettato la definizione di una squadra “operaia,” affermando che ottenere vittorie attraverso la lotta e la sofferenza è nel DNA della Juventus. “Vincere non è semplice,” ha aggiunto.

Secondo Allegri, è importante per la squadra avere obiettivi e desideri. “Stiamo crescendo. I ragazzi hanno gestito bene le forze, ed è stata la cosa migliore,” ha concluso, menzionando anche alcuni dettagli sulle prestazioni di altri giocatori come McKennie e Bremer.

Allegri ha concluso l’intervista sottolineando che la squadra avrà due giorni di riposo prima di riprendere gli allenamenti. “I ragazzi si sfogheranno per la vittoria e poi da martedì riprenderemo il cammino,” ha affermato.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *