Seguici su

Esteri

Blinken a Kiev: gli Stati Uniti aprono alla possibilità di attacchi ucraini in Russia

Durante una visita a Kiev, il segretario di Stato USA Antony Blinken ha concesso all’Ucraina maggiore libertà nell’uso di armi occidentali per attacchi in territorio russo, segnando un cambio di posizione. Questo sviluppo potrebbe portare a una pericolosa escalation nel conflitto con la Russia, già critico sul campo di battaglia.

Avatar

Pubblicato

il

Il Segretario di Stato americano, Antony Blinken
Il Segretario di Stato americano, Antony Blinken (© Agenzia Fotogramma)

Nel contesto dell’incessante conflitto tra Ucraina e Russia, gli ultimi sviluppi hanno segnato un significativo cambiamento nelle dinamiche geopolitiche. Durante una recente visita a Kiev, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha fatto dichiarazioni che potrebbero ridefinire i limiti dell’intervento occidentale nella guerra. Blinken ha sottolineato che, pur non incoraggiando né favorendo attacchi al di fuori dell’Ucraina, spetta al paese stesso decidere come condurre le operazioni militari. Questa dichiarazione ha di fatto conferito a Kiev una maggiore libertà di azione, anche nell’uso di armi occidentali per attacchi sul territorio russo.

Russia vs Ucraina, nuova direzione della politica americana

Le parole di Blinken rappresentano un cambiamento di posizione rispetto a quanto sostenuto finora dagli Stati Uniti e dagli altri alleati occidentali. Fino ad ora, l’invio di armi all’Ucraina era stato subordinato alla promessa che non sarebbero state usate per colpire direttamente la Federazione Russa. Questo vincolo era stato considerato essenziale per evitare un’escalation del conflitto che avrebbe potuto coinvolgere direttamente la NATO.

La posizione del Regno Unito e le reazioni di Mosca

Non è solo Washington ad aver modificato il proprio approccio. Già all’inizio di maggio, il ministro degli Esteri britannico David Cameron aveva dichiarato il diritto degli ucraini di effettuare raid in Russia utilizzando armi britanniche. Questa affermazione aveva suscitato dure reazioni da parte del Cremlino, che l’aveva descritta come una “pericolosa escalation”. Le parole di Blinken, quindi, si inseriscono in un contesto di progressivo allentamento delle restrizioni imposte dagli alleati occidentali sull’uso delle loro armi da parte dell’Ucraina.

La cituazione sul campo di battaglia

Sul terreno, la situazione rimane critica. Le forze di Kiev stanno affrontando sfide significative sia nella regione di Kharkiv, dove l’esercito russo ha lanciato una nuova offensiva il 10 maggio, sia nel Donetsk. Il comando ucraino ha annunciato l’invio di rinforzi nella regione settentrionale dell’oblast’, mentre le truppe russe sono riuscite a entrare nel villaggio di Vovchansk, dove continuano le feroci battaglie difensive. Nazar Voloshyn, portavoce del gruppo strategico operativo Khortytsia, ha descritto una situazione operativa dinamica e in continua evoluzione, con scontri accesi lungo gran parte della linea di confine.

Le conseguenze di una pericolosa escalation

L’evoluzione delle politiche di supporto occidentale all’Ucraina ha portato a nuove preoccupazioni riguardo a una possibile escalation del conflitto. Mosca ha sempre considerato gli attacchi sul proprio territorio come un’aggressione diretta da parte della NATO, e il recente via libera di Washington e Londra a Kiev potrebbe essere visto come un punto di non ritorno. Vladimir Putin ha già esultato per i recenti successi sul fronte, dichiarando che le forze russe avanzano in tutti i settori e che gli obiettivi iniziali della guerra si stanno realizzando.

Le dichiarazioni di Blinken a Kiev non solo modificano le dinamiche della guerra, ma potrebbero avere ripercussioni profonde sulle relazioni internazionali. L’eventuale uso di armi occidentali per colpire il territorio russo potrebbe spingere Mosca a una risposta ancora più aggressiva, aumentando il rischio di un conflitto su scala più ampia. Inoltre, questo cambiamento di approccio potrebbe influenzare la posizione di altri alleati occidentali, costringendoli a rivedere le loro strategie di supporto all’Ucraina.

Conclusioni

In conclusione, il recente permesso implicito dato da Washington a Kiev di utilizzare armi occidentali per attacchi in territorio russo segna un punto di svolta nel conflitto. Le dichiarazioni di Blinken e Cameron rappresentano un chiaro superamento delle linee rosse stabilite all’inizio delle forniture militari. Mentre la situazione sul campo continua a evolversi, l’attenzione del mondo rimane focalizzata su come queste nuove dinamiche influenzeranno il corso della guerra e le relazioni internazionali. L’Ucraina, forte di un supporto occidentale sempre più deciso, si trova ora davanti a nuove possibilità e sfide, in un contesto dove ogni mossa potrebbe avere conseguenze di vasta portata.

Continua a leggere le notizie di DiariodelWeb.it e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *