Seguici su

Esteri

Teheran: gli USA ostacolano deliberatamente firma accordo sul nucleare

Lo ha denunciato il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Nasser Kanaani: «La strada per raggiungere l’accordo è aperta»

Pubblicato

il

Bandiera iraniana (© Depositphotos)
Bandiera iraniana (© Depositphotos)

TEHERAN – Il testo del rinnovato Piano d’azione congiunto globale (Jcpoa), noto come accordo sul nucleare iraniano, è pronto per la firma, ma i ritardi e le azioni non costruttive di Washington stanno impedendo la conclusione dell’accordo. Lo ha denunciato il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Nasser Kanaani.

Il 30 novembre, l’inviato speciale degli Stati Uniti per l’Iran Robert Malley ha affermato che gli Stati Uniti preferirebbero concentrare la loro attenzione sulle presunte esportazioni di armi dell’Iran e sulle proteste di massa, piuttosto che sui negoziati sul nucleare, che Washington considera bloccati a causa di Teheran.

Il testo dell’accordo è pronto come negoziato tra le parti, ha detto Kanaani durante la sua conferenza stampa. “È stata la procrastinazione della parte americana che ha perso l’opportunità; una volta per il bene delle elezioni [statunitensi] di metà mandato, ancora una volta con altri pretesti come gli sviluppi interni in Iran e altre questioni come l’Ucraina”, ha detto Kanaani secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa iraniana Tasnim.

“Se l’Europa e gli Stati Uniti prendessero provvedimenti, l’accordo potrebbe essere concluso perché la strada per raggiungerlo è aperta”, ha aggiunto Kanaani.

Gli USA si sono ritirati nel 2018

L’accordo sul nucleare è stato siglato nel 2015 da Cina, Francia, Germania, Iran, Russia, Regno Unito e Stati Uniti, oltre che dall’Unione Europea. Gli Stati Uniti si sono ritirati unilateralmente nel 2018 e hanno imposto sanzioni all’Iran, a cui quest’ultimo ha risposto abbandonando gradualmente i propri obblighi ai sensi dell’accordo. I due hanno avviato i colloqui sulla rinascita del Jcpoa dopo il cambio della guardia alla Casa Bianca.

Vienna ha ospitato diversi cicli di colloqui dall’aprile 2021. Nel dicembre 2021, le parti coinvolte nel Jcpoa hanno concordato due bozze di un nuovo accordo, ma non è stato raggiunto alcun accordo definitivo. Da allora, le parti hanno avuto diversi round di colloqui per rilanciare l’accordo

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *