Seguici su

Italia

Atto audace o sfida civica? Giovani a Bollengo sollevano il dibattito sradicando autovelox

Giovani a Bollengo fuggono con un autovelox, dividendo l’opinione pubblica tra supporto alla ribellione e necessità di rispetto delle norme di sicurezza.

Avatar

Pubblicato

il

Il commando in fuga con il velobox (foto da Facebook di Luigi Sergio Ricca)
Il commando in fuga con il velobox (foto da Facebook di Luigi Sergio Ricca)

In una scena che sembra uscita da un film d’azione giovanile, quattro ragazzi hanno recentemente scatenato un acceso dibattito nella comunità di Bollengo, nel Canavese. L’episodio, che ha visto protagonisti i giovani a bordo di un’Ape, una Vespa e un motorino, ha avuto come obiettivo un autovelox. Le immagini delle telecamere di sicurezza mostrano il gruppo mentre estirpa con determinazione la colonna e la carica sull’Ape prima di dileguarsi rapidamente.

Questo gesto ha suscitato reazioni contrastanti tra i cittadini, dividendo l’opinione pubblica in due fazioni principali: da un lato, coloro che vedono nell’azione un atto di ribellione contro uno strumento percepito come opprimente; dall’altro, coloro che ritengono il rispetto delle regole di sicurezza stradale un pilastro inderogabile del vivere civile.

Il sindaco di Bollengo, Sergio Ricca, non è rimasto inerte di fronte a questo episodio. Con un gesto che intreccia la fermezza dell’autorità con un’appello quasi paternalistico, ha pubblicato le immagini del furto sui social media, invitando i giovani a riflettere sulle conseguenze delle loro azioni e a restituire ciò che è stato preso.

Il dibattito che ne segue è vivo e variegato. Alcuni considerano l’azione dei giovani un simbolo di protesta contro la sorveglianza eccessiva e l’automatizzazione della disciplina stradale, che spesso si traduce in multe salate per i conducenti. Altri, invece, sottolineano l’importanza degli autovelox come strumenti vitali per garantire la sicurezza su strade dove l’alta velocità può avere conseguenze fatali.

Questo episodio solleva interrogativi più ampi sulla percezione dell’autorità e sulle modalità con cui i giovani scelgono di esprimere il loro dissenso. Al di là della legittimità o meno dell’atto, è innegabile che abbia acceso una discussione che va oltre il singolo episodio, toccando temi di libertà individuale, sicurezza e responsabilità civica.

Mentre il dialogo continua, una cosa è certa: l’azione di questi ragazzi ha lasciato un’impronta indelebile nella comunità di Bollengo, stimolando una riflessione collettiva sul significato di convivenza civile e sulle sfide che comporta la gestione dell’ordine pubblico.

Invitiamo i nostri lettori a contribuire al dibattito: cosa pensate dell’azione di questi giovani? È un gesto di sfida civica o un atto irresponsabile? Qual è il ruolo dell’autorità e della sorveglianza nella società moderna? Le vostre opinioni sono preziose e contribuiranno a dare una prospettiva più ampia su questi temi di attualità.

2 Commenti

2 Comments

  1. Avatar

    Michele Ciccarone

    27 Dicembre 2023 at 16:11

    Cara redazione, tutto dipende da come l’uomo utilizza uno strumento quale è l’autovelox. Se si utilizza per evitare eccessiva velocità è utile, se si usa per risanare i bilanci è sbagliato.

  2. Avatar

    Via

    18 Gennaio 2024 at 21:32

    non siamo sudditi

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *