Seguici su

Esteri

Putin: «Per l’Occidente gli ucraini sono carne da cannone»

Il presidente russo Vladimir Putin in un messaggio video alla riunione dei ministri della Difesa dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai e della Comunità degli Stati Indipendenti

Pubblicato

il

Il Presidente russo, Vladimir Putin (© Sputnik)
Il Presidente russo, Vladimir Putin (© Sputnik)

MOSCA – L’Occidente ha “incoraggiato il terrore” nel Donbass e usa il popolo ucraino “come carne da cannone”, ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin in un messaggio video alla riunione dei ministri della Difesa dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai e della Comunità degli Stati Indipendenti.

“Per diversi anni, l’Occidente ha incoraggiato il genocidio e il terrore nel Donbass, ha trasformato de facto questo Paese (l’Ucraina, ndr) in una colonia, e ora usa cinicamente il popolo ucraino come carne da cannone, come un ariete contro la Russia, continuando a rifornire l’Ucraina con armi e munizioni, inviando mercenari, spingendola su un percorso suicida”, ha detto Putin, secondo una nota pubblicata dal Cremlino.

Le forze russe hanno installato vari lanciarazzi nella centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia. Lo hanno denunciato responsabili ucraini, sollevando timori che la più grande centrale atomica d’Europa possa essere utilizzata come base per sparare sul territorio ucraino, aumentando in questo modo i pericoli di radiazioni.

La società nucleare ucraina Energoatom ha affermato in una dichiarazione che le forze russe che occupano l’impianto hanno posizionato diversi lanciarazzi multipli Grad vicino a uno dei suoi sei reattori nucleari. Ha affermato che i sistemi offensivi si trovano in nuove “strutture protettive” costruite in segreto dai russi, “violando tutte le condizioni per la sicurezza nucleare e dalle radiazioni”.

Il Guardian, che riporta la notizia, non ha potuto verificare in modo indipendente queste accuse. Malgrado il rischio di una fusione nucleare sia notevolmente ridotto perché tutti e sei i reattori sono stati chiusi, gli esperti hanno affermato che è ancora possibile una pericolosa fuoriuscita di radiazioni, ha scritto l’Associated Press.

Londra preannuncia nuove sanzioni contro personalità russe

Il ministro degli Esteri britannico, James Cleverly, ha annunciato oggi sul Guardian che imporrà nuove sanzioni individuali contro personalità direttamente legate al regime in Russia. In un editoriale intitolato “La Gran Bretagna non è un osservatore passivo sulla scena mondiale. Vogliamo che oligarchi e dittatori abbiano paura di noi”, Cleverly ha scritto: “Dopo che Vladimir Putin ha lanciato il suo ultimo assalto contro l’Ucraina a febbraio, il Regno Unito ha messo insieme il più grande pacchetto di sanzioni mai emanato contro una grande economia”.

Finora, ha aggiunto, “abbiamo preso di mira oltre 1.200 individui russi, inclusi almeno 100 oligarchi e le loro famiglie, con un patrimonio netto superiore a 140 miliardi di sterline”.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *