Seguici su

Politica

Bettini, il PD e la questione morale: «D’Alema non è come Renzi»

Così in una intervista a La Repubblica Goffredo Bettini, tra i fondatori del Partito Democratico: «Sul gruppo dirigente non si faccia di tutta un’erba un fascio»

Avatar

Pubblicato

il

Goffredo Bettini, tra i fondatori del PD (© ANSA)
Goffredo Bettini, tra i fondatori del PD (© ANSA)

“Sono molto amareggiato. La sinistra è permeabile all’incursione dell’affarismo perché se si affievolisce una critica rispetto ai valori dominanti, al mito della ricchezza, del lusso, del successo a tutti i costi, e ci si stacca da chi fatica a vivere, le difese si possono allentare. Il Pd è ancora sano nel suo complesso, ma deve rimuovere ogni apologia dell’esistente, che premia il denaro che dà la forza e la forza che disprezza e schiaccia la debolezza”. Così in una intervista a La Repubblica Goffredo Bettini, tra i fondatori del Partito Democratico ed ex deputato Ue dei Dem.

Bettini: «Il problema del PD è politico»

Quelli di Renzi e D’Alema, prosegue, “sono casi diversi, anche se entrambi permessi dalla legge. D’Alema si è da tempo dimesso da ogni incarico pubblico e svolge ruoli di consulenza con contratti regolari che finanziano anche le sue attività editoriali e di studio. Renzi è un capo di partito e senatore”.

Riguardo il congresso del Pd, continua Bettini, “debbo dire che l’avvio della fase costituente mi pare un po’ stanco e confuso. Il problema del Pd è politico. Sul gruppo dirigente non si può fare di tutta un’erba un fascio. Sarebbe pura demagogia ‘rottamatrice'”, conclude.

Letta: «Comportamenti indegni»

“Mi viene da piangere all’idea che l’immagine dell’Italia a Bruxelles venga associata a quei comportamenti indegni”. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, intervenendo alla presentazione del francobollo commemorativo di David Sassoli, in riferimento all’indagine a Bruxelles sul Qatargate.

Parlando di Sassoli e del suo senso di attaccamento alle istituzioni, Letta ha aggiunto che “le istituzioni devono essere servite con quell’impegno e con quel senso civico” che lo ha contraddistinto.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *